Progetto “ECOdolomites”

ECOdolomites 2014

L’idea è quella di unire due bisogni essenziali della società contemporanea: lo sfrenato piacere della guida alla responsabilità e coscienza ecologica, il tutto incastonato nel magnifico scenario delle Dolomiti.

Quest’anno, ancor più dell’anno scorso, l’obiettivo principale sarà il coinvolgimento diretto della popolazione. Infatti l’evento rappresenta un ideale punto d’incontro per tutti gli appassionati dell’e-mobility.

I “Monti Pallidi” sono stati iscritti il 26 giugno 2009 nella lista del Patrimonio Mondiale naturale dell’UNESCO grazie alla loro rara eleganza, autenticità, unicità geologica e geomorfologica. Con la manifestazione “ECOdolomites”, la tutela di questo Bene prezioso viene messa in primo piano. Le due vallate ladine, Val Gardena e Alta Badia, hanno deciso di unire le loro forze e competenze per trovare soluzioni concrete e soprattutto ecosostenibili per far si che la bellezza della natura dolomitica possa essere conservata anche in futuro. Per risolvere il diffuso problema del traffico nelle vallate dolomitiche e delle gravose emissioni annesse ad esso, le due destinazioni turistiche desiderano favorire l’utilizzo di veicoli elettrici, i quali offrono vantaggi e benefici molto interessanti a favore dell’ambiente dolomitico.

Grazie all’impegno per un futuro “pulito”, alla valorizzazione dell’immagine e del prestigio del Bene, la Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige e la “Fondazione Dolomiti UNESCO” hanno deciso di prendere sotto patronato anche questa seconda edizione di “ECOdolomites”.

I dubbi riguardanti l’utilizzo di veicoli elettrici nei “sali e scendi” tipici dell’ambiente alpino sono già stati chiariti durante la prima edizione del “ECOdolomites -Weekend” nel settembre 2011. È stato misurato il consumo di energia di ben 19 modelli diversi di macchine elettriche e i risultati erano a dir poco sorprendenti: dopo che i veicoli avevano superato senza alcuna difficoltà 3 dei 4 famosi passi dolomitici della Sellaronda, il consumo medio era pari al 30%. La spiegazione a questo fenomeno è molto semplice: durante la discesa l’energia viene recuperata e salvata direttamente nella batteria.

Anche quest’anno, il 12. settembre 2015, i nostri partecipanti avranno la possibilità di immergersi nel cuore del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO e sottoporre i loro mezzi elettrici ad un test. La sfida consiste nell’utilizzare la minor quantità di energia possibile nel percorrere gli oltre 70 km della Sellaronda. Le misurazioni saranno effettuate con la formula FIA (Fédération Internationale de l’Automobile).

Allora è il caso di dire: che la sfida abbia inizio! Che vinca il più “pulito”…

Vantaggi e benefici della mobilità elettrica a favore dell’ambiente:

Grazie ai costanti progressi e l’evoluzione di nuove tecnologie, i veicoli elettrici hanno acquisito sempre più importanza all’interno della mobilità sostenibile che comporta evidenti vantaggi e benefici, i quali sono soggetti a continui miglioramenti. L’utilizzo di mezzi elettrici offre un prezioso contributo a livello sociale e al fine di salvaguardare il Sito dolomitico:

  • Il motore elettrico è ben 4 volte più efficiente di un normale motore a combustione interna (infatti ha un’efficienza del 90%). Inoltre consuma una quantità di energia elettrica relativamente ridotta (ca. 0,1 – 0,2 kWh/km).
  • I rumori emessi dai motori elettrici sono praticamente inesistenti. È per questo motivo che si può parlare di un notevole miglioramento della qualità di vita delle persone e degli animali.
  • Durante la guida i veicoli elettrici hanno zero emissioni, per il semplice motivo che non hanno tubi di scarico e perciò non emettono gas climalteranti nell’atmosfera e polveri sottili (PM10, PM2,5), particolarmente nocive per la salute. Per limitare al minimo le emissioni complessive di CO2 e di gas serra, è fondamentale che l’energia elettrica utilizzata per alimentare i veicoli sia prodotta da fonti alternative e rinnovabili (come ad esempio l’energia solare), dato che sono soprattutto questi a incidere sulla praticabilità, sul successo e sulla sostenibilità sociale, economica e ambientale nel tempo.

Video EcoDolomites – Edition 2014